mercoledì 22 maggio 2019

Sfumature ramate

Sfumature ramate, il modo migliore per dare ulteriore movimento all’henné e per rendere calda e unica la tua chioma!



giovedì 16 maggio 2019

Isella Morandini

Isella lavora presso Renato Coiffeur dal 1976 ed era parrucchiera già da tre anni quando approdò al salone. Come i professionisti old school si occupa sia di taglio sia di colorazione e racconta “mi piace molto perché così il mio lavoro viene svolto a tutto tondo e poi posso seguire una cliente dall’inizio alla fine del servizio” infatti spiega “una delle componenti che amo di più è vedere la cliente soddisfatta, poi anche vedere la trasformazione, una donna entra e nel giro di due ore la vedi trasformata, questo è quello che mi piace della mia professione”.


Per questo motivo Isella ama meno il lato ripetitivo della professione, per esempio “quando una cliente di settimana in settimana vuole sempre lo stesso taglio, la stessa piega, soprattutto perché spesso mi spiace non poter valorizzare la cliente, per esempio proprio oggi c’è una signora a cui cerco di cambiare il taglio e lei fa resistenza, ma io consiglio un cambiamento perché con la mia esperienza e professionalità credo che sarebbe valorizzata cambiando, perché il nostro è un lavoro creativo, ma si basa sul valorizzare un certo tipo di viso e personalità per rendere le nostre clienti splendenti al massimo”. 


“Il mio stile professionale è classico anche per il mio background, svolgo spesso aggiornamenti, ma se arriva la ragazza giovane che mi chiede un taglio molto estroso magari rasato ci sono altri colleghi qui da Renato più giovani che sono più competenti a capire il punto di vista delle nuove generazioni, mentre la signora classica che vuole la testa di classe mi ci sento più vicina. Mi piace che nel nostro negozio diamo la possibilità alle persone di trovare e scegliere stili differenti, quindi io per esempio ho per lo più clienti che desiderano uno stile classico, poi ci sono colleghi più adatti a stili più estroversi. Il bello del nostro salone è proprio questo, serviamo sia la ragazza che fa i capelli fluo fino a sua nonna che fa la piega con il ciuffo con l’onda, questo è il lato positivo del nostro negozio!”

lunedì 13 maggio 2019

Pink dream

Pink dream: sognarlo e realizzarlo!
La soluzione perfetta per chi desidera osare ed essere unica, ma non vuole sentirsi eccessivamente appariscente. Un colore rosa caldo che dona alle carnagioni chiare e pone in risalto gli occhi azzurri e verdi.





giovedì 9 maggio 2019

Intervista a Renato Capetti


Proprio mentre stiamo raccontando le persone che fanno grande Renato Coiffeur ieri su La Repubblica è uscita un’intervista al nostro magnifico Renato Capetti firmata Simona Poli (8 maggio 2019, pag 7, sezione Cronaca).
In questa conversazione Renato racconta alcuni aspetti inediti della sua storia professionale compreso il difficile momento in cui ha appeso le forbici al chiodo. Non possiamo riportare l’intera intervista, che potete leggere anche online, ma ci teniamo a sottolineare un passaggio che riguarda l’attitudine e l’impegno della nostra azienda.



Con orgoglio, infatti, quando la giornalista chiede “Come mai ha deciso di smettere? Sull’insegna c’è scritto Renato, come marchio di qualità”, Renato Capetti risponde come “già da metà degli anni Settanta ho messo su una squadra di giovani e valentissimi collaboratori che sono diventati miei soci. Molti di loro sono ancora in negozio. Renato non è una persona, ma uno staff, una scuola, uno stile. L’idea di associare i dipendenti fu una mezza rivoluzione a Firenze, mi prendevano per matto, invece è stata la mia fortuna.”
La bellissima intervista prosegue raccontando gli incontri con grandi maestri come Jacques Dessanges, Jean Louis David (che venne addirittura a Firenze per vedere il salone), Aldo Coppola (e i loro viaggi in tutta Europa) e prosegue narrando i cambiamenti nei costumi, nelle tecniche, nella moda dei capelli dagli anni Cinquanta fino ai giorni nostri.



Noi siamo fieri di far parte di questa squadra portando avanti l’illuminante idea di Renato Capetti attraverso la cura continua di nuovi giovani che trovano spazio per crescere e per esprimersi.
Sono già tre anni che Renato non viene più in negozio, ci manca, ma grazie ai suoi insegnamenti il salone, la scuola, lo stile continuano a crescere ponendosi sempre nuovi obbiettivi e nuove sfide.